• Programmatic
  • Engage conference
  • Engage Play
21/06/2024
di Cristina Oliva

Infuence Day: al centro dell'evento i concetti di influence, identity e innovation

Durante l'incontro organizzato da Flu, i partecipanti hanno creato un manifesto in 12 punti, nato per essere messo a disposizione di tutti gli addetti ai lavori

INDA-1.jpg

Si è svolto ieri a Milano Infuence Day - Inda, l’appuntamento dedicato all’influence economy, un settore che ormai in Italia vale oltre 320 milioni di euro e che alimenta un comparto con più di 350.000 professionisti occupati, principalmente giovani. Cento ospiti selezionati tra creator, talent agency, aziende e istituzioni, si sono riuniti presso il Talent Garden Calabiana per dare vita ai primi stati generali dell’influence economy, partecipare a un brainstorming collaborativo e plasmare un manifesto dedicato a questo mondo.

12 screenshot sviluppati anche grazie all’intelligenza artificiale che nascono per essere punti fermi nel futuro del comparto e che saranno messi a disposizione del tavolo tecnico dell’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) previsto fra qualche settimana, quando si discuterà su nuove regole per influencer e creatori di contenuti digitali.

Ideato da Flu con il supporto di All Communication per la produzione e l’organizzazione (entrambe unit di Uniting Group) e sostenuto da Lenovo e Intel in qualità di main partner, Influence Day ha visto la presenza di tanti nomi di primo piano: dai talent Vincenzo “La fisica che ci piace" Schettini, Riccardo "Rick DuFer" Dal Ferro, Tommaso Cassissa, Gabriele Vagnato, Camilla “Camihawke” Boniardi, Martina Socrate, Emanuele Ferrari, Luca Gervasi, Elisa Maino; alle importanti presenze istituzionali di Paolo Lupi (Vice Direttore Direzione Servizi Media Agcom), Massimiliano Dona (Presidente Unione Nazionale Consumatori), Giulia Pastorella (Vicepresidente e Deputata di Azione in Commissione Trasporti Poste e Telecomunicazioni), Valentina Barzotti (Capogruppo M5S Commissione Lavoro Camera dei Deputati), Gabriele Ferrieri (Presidente Angi - Associazione Nazionale Giovani Innovatori), Layla Pavone (Coordinatrice Board Innovazione Tecnologica e Trasformazione Digitale Comune di Milano) e Alessia Cappello (Assessora allo Sviluppo Economico e alle Politiche del Lavoro Comune di Milano).

In sinergia con i tavoli di lavoro, Inda è stato teatro di un’agenda ricca, tra cui spiccano gli approfondimenti sul settore a cura del Politecnico di Milano e la presentazione in anteprima della ricerca di BVA Doxa - Flu “Il consumatore e gli influencer: una relazione da approfondire”.

Spazio poi a un momento di celebrazione, con tre awards consegnati ai talent Camilla “Camihawke” Boniardi, Giulia Lamarca e Tommaso Cassissa, premiati per aver saputo interpretare al meglio rispettivamente i concetti di influence, identity ed innovation, realizzando campagne in collaborazione con brand ed aziende e sviluppando un nuovo modo di comunicare.

“Con Inda abbiamo raggiunto un traguardo importante per noi, ma anche per tutto il mercato. Aver messo a disposizione di addetti ai lavori, media e istituzioni un manifesto co-costruito insieme a tutti i principali stakeholder di questa economia è un grande passo verso un mercato più maturo, solido e pronto a nuove sfide – ha dichiarato Giancarlo Sampietro, Chief Business & Innovation Officer di Uniting Group e Founder & CEO di Flu. – Durante la giornata abbiamo dibattuto sul concetto d'influenza, fatto chiarezza sull'identità e segnato la strada verso un settore che fino ad oggi ha avuto poca rappresentanza verso l'opinione pubblica. Siamo certi che il futuro dell'influence economy sarà sempre più prolifico e rappresentato con professionalità, competenze, responsabilità”.

Tanti i partner che hanno deciso di supportare l'appuntamento, come MSL e Assoinfluencer (Supporting Partner), Plesh e Colla Studio (Technical Partner), oltre a brand del calibro di Birra Moretti, Santa Margherita e Wami (Networking Partner) e al media partner dell’evento Wired.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI