• Programmatic
  • Engage conference
30/11/2023
di Cristina Oliva

Mattel sceglie la soluzione cookieless di Publitalia '80 per la campagna Fisher Price su Mediaset Infinity

L’azienda di giocattoli ha sfruttato la tecnologia delle clean room di InfoSum, implementata dal Gruppo Mediaset, per costruire una custom audience con dati di prima parte

Paola Colombo

Paola Colombo

Mattel sceglie la soluzione cookieless di Publitalia ’80 per la nuova campagna Fisher Price, pianificata insieme all’agenzia Universal McCann su primo e secondo schermo. L’azienda di giocattoli statunitense è il primo cliente a sfruttare la tecnologia InfoSum, introdotta dalla concessionaria per offrire ai brand nuove opportunità di comunicazione addressable, basate sull’integrazione dei dati proprietari nel pieno rispetto della privacy dei consumatori, spiega la nota stampa.

La piattaforma InfoSum mette a disposizione dei partner il modello delle clean room: uno spazio protetto in cloud, alimentato con i dati di prima parte e accessibile esclusivamente dal proprietario, che garantisce una connessione delle informazioni senza che queste siano condivise o trasferite esternamente. Abbinata alle soluzioni pubblicitarie del Gruppo, la tecnologia permette di confrontare in modalità totalmente anonima e sicura le informazioni inserite nella clean room proprietaria di Mediaset con i dati di prima parte dell’inserzionista, identificare i profili comuni e costruire audience qualitative sulle quali creare strategie di comunicazione ancora più efficaci.

Per la campagna di Fisher Price, il login match tra i dati di prima parte di Mattel e i registrati alla piattaforma OTT Mediaset Infinity ha permesso di identificare i profili comuni ai due database, che hanno popolato il cluster al quale indirizzare la campagna del brand. Dal confronto con le informazioni della Custom Data Platform di Gruppo Mediaset emerge che la custom audience Mattel è composta prevalentemente da donne tra i 25 e i 44 anni, che fruiscono di video sia da primo che da secondo schermo, con particolare interesse a contenuti fiction, kids, film e talent show, si legge nel comunicato. Inoltre, le analisi di overlap evidenziano un’affinità del target non solo con il mondo dei prodotti per bambini, ma anche con la sfera degli acquisti online e il settore automotive.

Lo spot Fisher Price è erogato nei contenuti on demand di Mediaset Infinity sia su TV connessa che su second screen, consentendo al brand di raggiungere un pubblico profilato durante tutti i momenti di fruizione.

“La partnership con InfoSum ci ha dotato degli strumenti necessari per affrontare la transizione all’era cookieless in piena sinergia con la visione del Gruppo, che punta a valorizzare l’ampio capitale di dati a disposizione e aumentare la trasparenza dell’ecosistema pubblicitario, favorendo un modello scalabile a livello internazionale”, dichiara Paola Colombo, Chief Digital Officer MFE Advertising. “Integrare le informazioni proprietarie per arricchire il profilo del consumatore e costruire custom audience, come fatto da Mattel, rappresenta un modo strategico per migliorare la personalizzazione, l'efficacia e la rilevanza delle attività di comunicazione dei brand, contribuendo a stabilire connessioni più solide con i consumatori”.

“Con l'evoluzione del panorama digitale verso un ambiente senza cookie di terze parti, una delle pietre miliari della strategia digital di Mattel è l’attivazione dei dati di prima parte in un modo trasparente, sicuro e rispettando le normative sulla privacy.  Per Mattel questo progetto è un passo importante e siamo molto entusiasti all'idea di poter partecipare allo sviluppo del futuro della comunicazione digitale in Italia insieme ad un partner per noi storico e solido come Publitalia ’80”, afferma Andrea Ziella, Amministratore Delegato Mattel, Sales Director e Mattel Creations Lead EMEA.

Commenta Riccardo Polizzy Carbonelli, Sales Director InfoSum: “Mentre il settore dei media si sposta verso un futuro senza cookie, siamo entusiasti di lavorare con organizzazioni pionieristiche come Publitalia ‘80 e Mattel. Sfruttando la tecnologia della data clean room di InfoSum, le aziende possono beneficiare in modo sicuro di tutta la potenza dei propri dati proprietari, per fornire efficaci strategie di marketing basate sui dati. Siamo entusiasti di vedere l’uso innovativo della nostra tecnologia in Italia nel guidare il settore media e dati verso un futuro incentrato sulla privacy e sul cliente”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI