• Programmatic
  • Engage conference
di Andrea Di Domenico

Supply chain a rischio per mancanza di componenti? Le soluzioni di Fanplayr per non perdere il cliente

Grazie alle Product Recommendation e all’AI, l’azienda californiana si propone come alleata degli ecommerce di fronte alla mancanza di materie prime e di prodotti in stock

Enrico Quaroni

Enrico Quaroni

La “chain disruption”, iniziata nel 2021, che sta progressivamente interessando vari settori di mercato, ha creato blocchi e limitazioni alla catena di distribuzione e ha impattato sia il retail fisico che il mondo dell’online: in particolare, il settore della tecnologia e dell’automotive stanno attraversando un vero e proprio “chipgeddon” a cui i player del settore non possono restare indifferenti. Nonostante la carenza delle componenti sia ancora lontana dalla sua risoluzione, ci sono varie soluzioni che i business stanno mettendo in atto per soddisfare le richieste dei clienti, anche in tempi in cui il prodotto desiderato dai consumatori non è disponibile.

In un contesto omnicanale, in cui i consumatori si sono abituati ad ottenere consegne rapide, la catena logistica e di approvvigionamento è diventata più complessa e difficoltosa da gestire. Garantire l’efficienza della catena di produzione è diventata, quindi, una delle priorità per i business online: è fondamentale per i player del settore sviluppare strategie ad hoc che permettano di far fronte agli ostacoli della carenza di materiali in modo efficace e reattivo per garantire la soddisfazione dei clienti.

Fanplayr, azienda con esperienza decennale a supporto del settore dell’ecommerce, proprio per andare incontro ai propri clienti, ha messo a punto una serie di strategie che riescono ad intervenire e a proporre agli utenti un’alternativa valida, soprattutto quando il prodotto “desiderato” risulta out of stock. Grazie alla sua piattaforma all’avanguardia che si basa sull’utilizzo dei dati comportamentali e dell’AI, Fanplayr riesce a vestire i panni del concierge online del consumatore anche in caso di mancanza dell’articolo ricercato. In che modo? Grazie alle Product Recommendation, un servizio che crea messaggi personalizzati su misura per soddisfare le esigenze del consumatore, durante la visita sul sito di proprietà del cliente.

Ma come funzionano le Product Recommendation? La piattaforma proprietaria di Fanplayr raccoglie e misura i dati relativi al comportamento di ogni utente durante ogni sua visita. Con le Product Recommendation, il sistema considera le pagine e i prodotti visualizzati, gli articoli lasciati nel carrello e crea offerte e messaggi mirati per ricontattare nuovamente gli utenti che hanno abbandonato la pagina o che hanno lasciato qualcosa nel carrello, riavvicinando i clienti esitanti e tenendoli informati sui prodotti disponibili al momento.

Le Product Recommendation sono allineate con il catalogo e quindi con lo stock del brand e permettono di mostrare e suggerire prodotti mirati per l'utente e contemporaneamente disponibili a catalogo. Nel caso non dovessero essere in stock, le Product Recommendation suggeriscono prodotti alternativi, ma pur sempre in linea con le necessità dell'utente.

Enrico Quaroni, VP Global Sales di Fanplayr, ha commentato: “In un contesto problematico per il tradizionale modo di approcciarsi al commercio, sia per i fornitori che per i consumatori, è necessario mettersi in gioco per trovare nuove strategie e aggirare la carenza dei prodotti in stock. Fanplayr, grazie alla sua piattaforma all’avanguardia, riesce a trovare la soluzione migliore da proporre. Le Product Recommendation si sono dimostrate delle ottime alleate. Un esempio concreto potrebbe essere la strategia messa in atto da un nostro cliente del settore automotive: se l’auto desiderata non è disponibile o presenta una lunga lista di attesa, il nostro sistema, basandosi sul comportamento dell’utente interessato a quel modello di veicolo, gli proporrà prontamente di prenotare un test drive per avvicinarlo ugualmente al prodotto desiderato, permettendo di fidelizzarlo maggiormente e avere maggiori possibilità per la vendita in futuro”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI